Dove osano i bosoni

Fumarsi la vita

Fumare una sigaretta? Tanto vale attaccarsi al tubo di scarico di un Tir. Paradossale, ma non molto. Infatti gira proprio attorno a un esperimento e al confronto tra il fumo di sigaretta e il fumo di scarico di un grosso camion la Giornata Mondiale senza Tabacco dell’Istituto Nazionale dei Tumori di Milano.


E i risultati sono sorprendenti. Detto brutalmente, l’inquinamento che provoca una sigaretta è superiore a quello causato dalle polveri sottili che escono dallo scarico di un Tir. In numeri, 8 minuti  una sigaretta accesa produce emissione di polveri fini e ultrafini fino a 4 volte più alte del motore.Un esperimento rigorosamente scientifico, guidato dai Pneumologi dell’Istituto milanese, che con lo stesso strumento e nelle stesse condizioni, all’interno di un container stagno,  hanno misurato il particolato solido emesso – Pm1, Pm2,5 e Pm10, le sostanze che abbiamo imparato a conoscere quando si parla dell’inquinamento delle nostre città – dal fumo e dal Tir . La sigaretta ha battuto il motore in tutti i casi, sia in media sia nei picchi, come si può capire dal grafico qui sotto

 

Fonte Istituto Tumori Milano

 

Numeri come questi dovrebbero scoraggiare a fumare, ma così non è nel nostro Paese. Aumentano, al contrario, quelli che non sanno rinunciare alle sigarette, e aumentano anche i nuovi fumatori, soprattutto tra le donne. Ma il dato che fa più riflettere è che amumentano i forti fumatori, quelli che consumano più di 15 sigarette al giorno, in particolare tra i giovani e i giovanissimi. Passato l’effetto delle sigarette elettroniche, che per poco tempo hanno soppiantato il tabacco, i fumatori sono di nuovo in crescita. A nulla servono evidentemente i divieti , le tasse che aumentano  sembrano scoraggiare poco, anche se l’Organizzazione Mondiale della Sanità davanti ai dati in crescita e ai costi sociali delle malattie che derivano dal fumo, ha proposto di portare molto in alto i balzelli legati ai pacchetti di sigarette. Fumare deve diventare sempre più costoso, dicono dall’Oms, perchè solo rendendolo antieconomico si potrà sconfiggere. Il rischio però è che il contrabbando, la criminalità invada il mercato con prodotti di scarsa qualità e ancora più nocivi.

No, la strada giusta è solo l’educazione, la consapevolezza, a partire dalle scuole e dalle famiglie. Non a caso l’Istituto dei Tumori per la Giornata senza Tabacco ha invitato 300 ragazzi delle scuole milanesi, per fare capire i rischi che si corrono a cedere alla sigaretta, per insegnare loro che in questo modo ci si fuma solo la vita.